Arancioni Meccanici - Nero

Da WikiFreaks.
Imnodi.jpg
Artista Arancioni Meccanici
Titolo album Nero
Etichetta Seahorse Recordings
Anno pubblicazione 2013
Tipo album Full length
Recensore Fabrizio Papitto
Voto Beautiful Freaks 7
Recensione reperibile su Beautiful Freaks 46

Recensione di Beautiful Freaks

Garage rock senza nostalgie, fibrillazioni punk e distorsioni acide per questo secondo album, dopo un esordio omonimo nel 2010, della formazione milanese composta attualmente da Gianfranco Fresi, Massimo Di Marco e Andrea Mottadelli. Tra solidi riff di chitarra e ritmi che non hanno paura di allungare il passo (tre pezzi su undici superano i 6.30 di durata) si respirano in modo autentico atmosfere dell’altro ieri. Giubbotti di pelle, abitacoli d’auto d’antan, polverose strade soleggiate di quando si poteva ancora uscire in strada e atmosfere da Romanzo Criminale. Canzoni manifesto come Anni ’70 e RNR ma anche la rispettosa cover dal Brian Ferry di Slave to love atteggiata alla Bowie, il respiro d’oltremanica nelle ritmiche lente di Animal, una ripresa della precedente Deserti - Deserti 2 – col suo intro da spoken song in stile Capovilla (il primo album, non a caso, era stato registrato dal “onedimensionalman” e “teatrantedell’orrore” Giulio “Ragno” Favero). Tutto con consapevolezza e personalità nonostante le molte influenze. Una polaroid perfettamente messa a fuoco.