Eusebio Martinelli & The Gipsy Abarth Orkestar - Apolide

Da WikiFreaks.
Imnodi.jpg
Artista Eusebio Martinelli & The Gipsy Abarth Orkestar
Titolo album Apolide
Etichetta Autoprodotto
Anno pubblicazione 2014
Tipo album Full length
Recensore Daniele Bello
Voto Beautiful Freaks 7.5
Recensione reperibile su Beautiful Freaks 47

Recensione di Beautiful Freaks

Secondo quanto si legge nel sito ufficiale, “l’idea musicale della Gipsy Abarth Orkestar è di proporre concerti in cui i musicisti e gli spettatori non siano in alcun modo separati da un dislivello dovuto al palcoscenico, ma si uniscano in una festa che veda sullo stesso piano gente ballare, suonare e cantare liberamente”. Se questo è l’obiettivo dichiarato di Eusebio Martinelli e della Gipsy Abarth Orkestar, possiamo tranquillamente affermare che, in questo album, esso è stato pienamente raggiunto: la band attinge a piene mani dal patrimonio della musica popolare, con una particolare predilezione per ritmi e sonorità di derivazione balcanica e gitana. Forte della esperienza acquisita con collaborazioni importanti (Vinicio Capossela, Mau Mau, Negramaro, Modena City Ramblers e molti altri musicisti internazionali), Eusebio Martinelli ci regala una esplosione di festa e di energia, con un pizzico di malinconia a fare da sottofondo; un vero e proprio miscuglio di voci che provengono da tutte le parti del mondo senza appartenere ad alcun posto, in particolare: tanto che a volte si ha l’impressione di trovarsi all’interno di una festa paesana, in tutta la sua semplicità e spontaneità. Particolarmente suggestivi sono i brani interamente strumentali, come Apolide, Sinfonia e l’irresistibile remix di Gazpacho (che appartiene all’album precedente). Da ascoltare con la giusta dose di leggerezza e spensieratezza.